ROSE E MOVIOLE – IL COMPLEANNO DI UN MONTAUTORE – ROBERTO PERPIGNANI

DIRETTA STREAMING SU ANACKINO.it 

ROSE E MOVIOLE – IL COMPLEANNO DI UN MONTAUTORE – ROBERTO PERPIGNANI organizzata dall’Anac (Associazione Nazione Autori Cinematografici) in onore del grande maestro del montaggio italiano.

MARTEDÌ 20 APRILE DALLE 18.00 ALLE 19.15

“Orientato inizialmente alla pittura, Perpignani si avvicina al cinema dopo l’incontro con Orson Welles, con il quale collabora – come assistente al montaggio – per Il processo (1962).

Il suo talento per questa disciplina lo porta a lavorare al fianco di grandi registi e sceneggiatori italiani e stranieri, tra cui  Bernardo Bertolucci, Marco Bellocchio, i fratelli Taviani, Gianni Amelio, Giovanna Gagliardo, Gillo Pontecorvo, Michael Radford, Vittorio Orsini, Bruno De Almejda, Miklòs Jancsò, Wim Wenders,  Krzysztof Zanussi.  Alla sua scuola si sono formati tantissimi montatori ai quali Perpignani ha trasmesso quella matrice pedagogica di analisi dell’immagine che solo un professionista e curioso come lui poteva e sapeva intercettare e coltivare. 

Il cinema italiano è debitore all’insegnante e al professionista Perpignani.”

Conduce Francesco Ranieri Martinotti.

Gli Auguri di Emanuela Piovano vicepresidente dell’Anac che ha lavorato con il maestro in due suoi film “Le stelle inquiete” ispirato alla filosofa Simone Weil  e “L’età d’oro” ispirato alla regista Annabella Miscuglio e di STEFANIA ROCCA, MONSIGNOR MATTEO MARIA ZUPPI, VITTORIO STORARO, CLAUDIO GIOVANNESI, CATERINA D’AMICO, FRANCO PIERSANTI, GIUSEPPE LANCI, WILMA LABATE, SILVIA SCOLA, GIOVANNA GAGLIARDO, JACOPO QUADRI, MAURIZIO NICHETTI…

“INTERVISTA ALLA SPOSA” |SILVIO DANESE IN DIALOGO CON EMANUELA PIOVANO

L’Edizione 2020 di BOOKCITY MILANO raggiunge quest’anno i lettori ONLINE con incontri in streaming con gli autori.

Silvio Danese  “Intervista alla sposa” con Emanuela Piovano

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE ORE 18:30

Ogni storia di violenza non è una storia. È una vita da raccontare.

“Intervista alla sposa” 

La storia di Stefania incomincia quando in realtà tutto finisce per sempre, una notte sconvolgente dopo vent’anni di matrimonio. Aggredita, intrappolata, reagisce alla brutalità e inverte con equivalente potenza una sorte certa. Viva. Ma poi? Mentre sconta la sua pena, Stefania accetta di raccontare emozioni e fatti, anche nei dettagli meno riferibili, a uno scrittore, forse disposto a riscattarne il destino, forse pronto a manipolare e sfruttare ancora una volta un “racconto”. Ricostruendo il lungo ménage borghese con Dino, un legame idealizzato, protetto e insieme ritualmente violento, Stefania interroga in realtà l’intera vita di moglie e madre e, non riconciliata, a tratti rabbiosa, a tratti rassegnata, la offre a domande inesorabili sull’amore, il sacrificio, l’identità, l’abuso e l’omertà, mentre la relazione con il suo interlocutore evolve ambigua, squilibrata, toccando una questione cruciale: come si racconta una storia come questa? Dove ci porta se la percorriamo fino in fondo e con coraggio? Sempre più lucida, man mano che si rende conto di diventare protagonista di un libro, Stefania sembra impugnare la sua vicenda e imporre allo scrittore un confronto inevitabile con le radici e le forme del dominio, ma anche con l’oscurità e le contraddizioni della famiglia, “la sede perpetua della libera prigionia”, fino a un colpo di scena in modo diverso liberatorio per entrambi.

Silvio Danese

IL CINEMA FA SCUOLA | CINE – ROOM LIVE

Per la sezione FUORI CLASSE, sulla la piattaforma CINE-ROOM due film di culto sulla scuola:   Squola di Babele e Il primo Bacio

Sulla necessità di un dialogo sempre più stringente e vivo fra la Scuola e il Cinema.

Tavola rotonda in diretta Streaming

“Il cinema fa scuola”

12 novembre alle ore 17:00 

Sito Cine-Room
https://cine-room.com/live/

Pagina Facebook Cine-Room
https://www.facebook.com/111319987266121/posts/179674687097317/

Cinema come luogo fisico e non solo di esperienze condivise e per questo motivo molto vicino alla scuola. Ecco perché abbiamo riunito esperti di cinema ed esperti di formazione uniti da un sentire comune e dal bisogno di salvaguardare la Scuola e il Cinema, la cultura e il futuro della nostra società.

MATTEO BERTOLOTTI Esercente cinematografico e programmatore di IMAGICA FILM e DUEMILAUNO DISTRIBUZIONE

NOLWENN DELISLE – Coordinatrice degli eventi culturali dell’Institut Français – Centre Saint-Louis di Roma

LYDIA GENCHI– Distributrice della No.Mad Entertainment

LETIZIA GIAMPIETRO –  Ricercatrice INVALSI

FLAVIA LAVIOSA – Docente presso il Dipartimento di Italianistica e il Programma di Cinema e Media presso Wellesley College (Massachusetts)

MONICA NALDI – Responsabile Scuola Cinema Beltrade Milano

EMANUELA PIOVANO – Distributrice della Kitchenfilm

LA KITCHEN VI INVITA A CINE-ROOM con la campagna #fuoriclasse

Continuano le iniziative di Cine-Room dedicate all’attualità e al cinema di qualità. Scuola e cinema sono di nuovo al centro del dibattito politico e culturale perché senza il cinema, i teatri  siamo tutti più poveri e senza la Scuola rinunciamo al futuro.

In collaborazione con

“Fuori classe” vi aspetta con due film di culto che raccontano una scuola inedita, fatta di relazioni e confronti,  con un particolare sconto del 50% sul noleggio.

La scuola non solo come luogo di insegnamento e didattica ma come incontro e formazione sociale.

Dissacrante ritratto dell’adolescenza dal regista fumettista di Charlie Hebdo, Riad Sattouf.
Scambi, conflitti e gioie che animano i ragazzi con la speranza di un futuro migliore.

Dai listini No.mad e Kitchenfilm vi proponiamo rispettivamente una commedia e un docufilm dal ritmo incalzante e inedito. Entrambi ambientati a Parigi hanno in sottotraccia il filo comune dell’integrazione. Classe multi etnica in SQUOLA DI BABELE per la mano raffinata e attenta di Julie Bertuccelli, regista franco-siriano già fumettista di Charlie Hebdo Riad Sattouf per IL PRIMO BACIO .

CORNICHE KENNEDY |INTERVISTA EMANUELA PIOVANO | FRANCE ODEON 2020

Il  film Corniche Kennedy, di Dominique Cabrera sulla piattaforma Più Compagnia in collaborazione con MyMovies.it  per il Festival virtuale FRANCE ODEON di Firenze. 

Tratto dal romanzo di Maylis de Kerangal, il film è ambientato nella città di Marsiglia, molto amata dalla regista, in particolare nel tratto Corniche Kennedy, una strada che ha da un lato scogliere a strapiombo sul mare e dell’altro ville di famiglie benestanti. Qui, ragazze e ragazzi, spensierati come si può essere solo a diciotto anni, ridono sul bordo dei precipizi sfidando la forza di gravità e le vertigini, fisiche e metafisiche, tuffandosi dall’alto. Non importano i divieti, i richiami all’ordine, i consigli alla prudenza: si sentono immortali! Ma ci sono anche gli adulti, in particolare la polizia, che vuole arrestare dei trafficanti di droga ai quali uno dei ragazzi è legato. 

Introduce il film la distributrice italiana Emanuela Piovano intervistata dal direttore Francesco Ranieri Martinotti.

APACHE E CORNICHE KENNEDY | FRANCE ODEON 2020

Per la XII edizione virtuale di FRANCE ODEON 2020 – FESTIVAL DEL CINEMA FRANCESE il direttore Francesco Ranieri Martinotti ha selezionato due film distribuiti da Kitchenfilm: CORNICHE KENNEDY e APACHE (LES APACHES)

NON RINUNCIATE AL CINEMA! con un solo accredito di 9,90 https://www.mymovies.it/ondemand/france-odeon/ 14 film, una mini serie TV, una master class..

CORNICHE KENNEDY di Dominique Cabrera |Una storia d’amore e di amicizia che segnerà la vita di un gruppo di adolescenti di Marsiglia, che sfidano il destino lanciandosi da una scogliera. DOMENICA 01 NOV. Ore 15.30 e MERCOLEDÌ 04 NOV.  Ore 15:30

LES APACHE (APACHE)  di Thierry de Peretti – In una Corsica affollata di turisti, cinque adolescenti annoiati passano la notte in una villa disabitata. La loro bravata avrà un esito imprevisto. LUNEDÌ 02 NOV. Ore 22.00 e GIOVEDÌ 05 NOVEMBRE Ore 22.00

|UNA VITA VIOLENTA | CINEMA ARISTON

Il Circolo del Cinema riapre.

Al Cinema Ariston di Mantova Mercoledì  28 ottobre la proiezione del film UNA VITA VIOLENTA di Thierry de Peretti.

Film cruento che ci fa riflettere sul tema della violenza.   

Un viaggio in Corsica nell’epoca travagliata degli anni ’90. Sono ragazzi idealisti quelli che decidono di fare politica, nella convinzione di fare qualcosa per cambiare il loro paese, si organizzano in lotte armate. Restano invece coinvolti in lotte di delinquenza armata mafiosa che ne prende le redini, sacrificando e bruciando così le loro vite. 

Forse un messaggio per i giovani di domani:  “con la violenza non si ottiene nulla” 

Thierry de Peretti si è ispirato alla storia vera del giovane attivista Montigny assassinato nel 2001 interpretato dall’attore Jean Michelangeli.

foto di scena con l’attore Jean Michelangeli

“PROCESSO A CATERINA ROSS AL FILMFESTIVAL “TERRE DI CONFINE”

Domani a Solarussa grande serata dedicata alla presenza della regista Gabriella Rosaleva per la XIII edizione del Filmfestival “TERRE DI CONFINE” che presenterà alcuni dei suoi film tra cui la versione restaurata del film “Processo a Caterina Ross” del 1982. 

La storia di un processo tratto dai verbali del processo del 1697 contro una contadina trentaduenne, condannata ingiustamente per stregoneria nella Confederazione Svizzera.

Il film è stato presentato nell’83 a NewYork per la rassegna   “The Kitchen” – Italien & American directions: Women’s Film sponsorizzato dalla New York University.

scena tratta dal film ” PROCESSO A CATERINA ROSS”

UNA VITA VIOLENTA |GIARDINO DEI LIMONI| CONVERSANO (BA)

Per le serate del CINEMA ALL’APERTO la proiezione del film

UNA VITA VIOLENTA

di Thierry de Peretti

25 e 26 agosto a Conversano (BA)

nella cornice meravigliosa e suggestiva scenografia del Giardino dei Limoni, immerso tra alberi secolari e mura megalitiche.

L’ascesa e la caduta di un giovane che negli anni ’90 ha l’ambizione di cambiare la politica della sua isola, la Corsica, ma il suo impegno, sincero quanto violento, sarà infranto per la lotta tra clan e mafie locali.

NASCONO “PENSIERI PARALLELI” | STAGE KITCHENFILM |

Mentre nasceva la piattaforma on-line Cine-Room, il cinema in una stanza, Zaria Simone George studentessa del Wellesley College – Stati Uniti D’America ha iniziato lo Stage KitchenFilm-Italia- giugno 2020.

Studia letteratura inglese e storia dell’arte e si interessa di cinema, fotografia e italiano. Entusiasta e stimolata dalla prima campagna di Cine-Room  #greeneyes, Zaria ha realizzato un progetto multimediale sui pensieri sulla Terra e le persone che ci abitano in cui ha curato tutte le fasi dall’idea, al soggetto, alla produzione dei contenuti (interviste, materiale fotografico, grafico,…) fino alla regia, il montaggio e la creazione di musiche originali. 

Abbiamo ora il piacere di rendere disponibile per voi il progetto concretizzato in una miniserie divisa in quattro capitoli dal titolo: 

PENSIERI PARALLELI” 

Cap. 1 – SPERARE | Come sarà il nostro futuro? Cosa ne pensano i giovani americani?

Cap. 2 – PROTEGGERE | Come sarà il futuro dei tuoi figli? Lo abbiamo chiesto ad alcuni  genitori americani.

Cap. 3 – AMARE | Pensi che la Terra sia un posto sicuro e bello per vivere? Lo abbiamo chiesto ad alcuni bambini americani.

Cap. 4 – CAMBIARE | Qual’è il tuo mondo ideale e cosa possiamo fare per aiutare laTerra? Lo abbiamo chiesto a diverse fasce di età.

sulla piattaforma

Cine-Room 

per gli abbonati 

all’interno 

della collezione

“pensieri paralleli”

“Lo scopo di questo progetto è quello di fornire uno sbocco ai pensieri e alle paure che le persone hanno riguardante l’ambiente. Poiché Green Eyes si concentra sulla presentazione di temi ambientali con la cinematografia e distribuisce film che collegano questi due temi, voglio mostrare le reazioni delle persone normali ai vari problemi che gli umani stanno creando per la Terra. Sto creando questo video per utilizzare entrambi le risposte delle persone e le loro immagini per raccontare una storia su ciò che l’ambiente significa personalmente per le persone e su come percepiscono i danni che stiamo arrecando alla Terra su cui viviamo. Con questo progetto, voglio fare domande a gruppi diversi di persone sull’ambiente. Voglio sentire dalla gente i suoi pensieri riguardante la terra, specificamente con  domande adatte alla loro fascia d’età “.                

                                                                                                     Zaria Simone George