EMANUELA PIOVANO IN GIURIA PER GIROCORTO FILM FESTIVAL DI ROMA

3 dicembre 2018

Matteo Bonanni, cinefilo romano e Gianlorenzo Lombardi, regista esordiente che vive e opera a Parigi sono gli organizzatori della Terza edizione del Festival Girogirocorto 2018 in collaborazione con Institut Français – Centre Sant Louis di San Luigi dei Francesi di Roma per l’integrazione e lo scambio culturale di opere provenienti da molte parti del mondo: Francia, Italia, Germania, Messico, Germania, Russia e Iran.

La giuria composta da Emanuela Piovano (regista), Fabio Ferzetti (critico cinematografico) Maddalena Crippa (attrice), Andrea Di Iorio (regista) hanno decretato:

Miglior cortometraggio: “Les Pouces vers le Bas – I pollici in giù di Léo Bontempelli (Francia)

Miglior regia: Alice Gruia per “Consenting Adults” (Germania)

Menzione d’onore: “Rosso” di Antonio Messana (Italia-Francia)

Il cortometraggio preferito dal pubblico è stato “Are you volleyball ?! “di Mohammad Bakhshi (Iran) 

36TFF | CONCORSO TORINO FACTORY 2018 – EMANUELA PIOVANO PREMIA GABRIELE PAPPALARDO

1 dicembre 2018

Per il 36° Torino Film Festival il presidente di Piemonte Movie, Alessandro Gaido e il direttore artistico Daniele Gaglianone hanno organizzato la 1^ edizione del CONCORSO TORINO FACTORY.

La  conferenza stampa si è svolta il 30 novembre presso la Rai di Torino.

La giuria composta da Sara D’Amario, Emanuela Piovano e Gianluca Arcopinto hanno decretato il Miglior cortometraggio.

Sabato 1 dicembre si è svolta la cerimonia di premiazione al Cinema Reposi di Torino. Madrina della serata l’attrice Lucia Mascino. A leggere le motivazioni la regista Emanuela Piovano.

  •  PREMIO DELLA CITTÀ DI TORINO – SMAT TORINO FACTORY di 2.500€ a:

“TEMPO CRITICO” di Gabriele Pappalardo

Perché racconta con onestà, profonda partecipazione e con consapevolezza drammaturgica uno spaccato di vita, in tutte le sue sfaccettature: la condizione familiare e sociale, l’inventiva e l’intraprendenza, le aspettative per il futuro.

  • MENZIONE SPECIALE a:

“SOLO GLI OCCHI PIANGONO” di Emanuele Marini

Per aver saputo raccontare con poche frasi, ma soprattutto con immagini e silenzi l’intera vita della protagonista.

 

EMANUELA PIOVANO RACCONTA “PROCESSO CATERINA ROSS” | 36° TORINO FILM FESTIVAL

25 Novembre 2018

CURIOSITÀ SUL FILM  “PROCESSO A CATERINA ROSS”  DI GABRIELLA ROSALEVA !

QUALCUNO ALZA LA MANO?

Gabriella Rosaleva

Emanuela Piovano racconta aneddoti curiosi del film “Processo a Caterina Ross” al pubblico presente al cinema Massimo con Gabriella Rosaleva, Dada Morelli e il direttore artistico Emanuela Martini nella serata del 25 novembre al 36°TORINO FILM FESTIVAL.

Il film Processo a Caterina Ross riceve il Premio Equilibra ed è stato restaurato dall’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, dal Centro Sperimentale di Cinematografia con la collaborazione di Kitchenfilm.

 

PREMIAZIONE GIORGIO ARLORIO 36TFF| TESTIMONIANZA DI EMANUELA PIOVANO SULLA RIVISTA “MONDO NIOVO”

27 novembre 2018

Cerimonia di Premiazione in occasione del 36° Torino Film Festival allo sceneggiatore Giorgio Arlorio, e all’ex operaio, artista e filmaker Pietro Perotti martedi  27 novembre alle ore 20:30 presso il Cinema Massimo di Torino per il PREMIO MARIA ADRIANA PROLO ALLA CARRIERA con laudatio del critico cinematografico Steve Della Casa per Giorgio Arlorio che era rappresentato dalla figlia Sasha.

Presente alla cerimonia Caterina Taricano che ha redatto un numero speciale di “Mondo Niovo“, la rivista dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema che da un po’ di anni dirige. Presente Emanuela Piovano che ha contribuito con una piccola testimonianza. 

LE COMPLICI |“VIAGGI NON ORGANIZZATI – LA VITA E IL CINEMA DI GIORGIO ARLORIO”

26 novembre 2018

In collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, il Torino Film Festival, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte, Lunedì 26 novembre a Torino presso la  Libreria Il Ponte sulla Dora, Via Pisa 46 la presentazione del libro di Giorgio Arlorio e Caterina Taricano dal titolo:

“VIAGGI NON ORGANIZZATI – LA VITA E IL CINEMA DI GIORGIO ARLORIO”edizioni Centro Sperimentale di Cinematografia – Iacobelli Editore

Partecipano Giaime Alonge (Università degli Studi di Torino — DAMS), Paolo Mereghetti (Corriere della Sera), Cristiana Paternò (CinecittàNews) e la coautrice Caterina Taricano.

Il percorso straordinario di un giovane torinese che realizza il suo grande sogno: il cinema. 

Ricordi intensi e storie divertenti di Giorgio Arlorio, sceneggiatore del film “Le complici” di Emanuela Piovano.

PROCESSO A CATERINA ROSS | 36° TFF| GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

25 novembre 2018

Per la  36°TFF – TORINO FILM FESTIVAL 2018 al cinema Massimo domenica 25 novembre alle ore 14.30 la proiezione del film

PROCESSO A CATERINA ROSS” di Gabriella Rosaleva.

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne sarà proposta la proiezione della copia restaurata dall’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, dal Centro Sperimentale di Cinematografia con la collaborazione di Kitchenfilm e con il contributo di Equilibra. 

Sarà presente la regista Gabriella Rosaleva che riceverà il Premio Equilibra per

 “il suo impegno nel descrivere la condizione di marginalità e di stigma di Caterina Ross, che diventa un simbolo delle vittime della violenza di genere”. 

Gabriella Rosaleva, Emanuela Piovano

Presente l’attrice protagonista Dada Morelli e Emanuela Piovano che ha partecipato alla produzione del  film inaugurando nel 1982 la prima edizione del Festival Internazionale Cinema Giovani.

Processo a Caterina Ross

Il testo del film riproduce esattamente i verbali del processo svoltosi nel 1697 a Poschiavo-Brusio (Confederazione Svizzera) contro Caterina Ross, contadina di 32 anni, di religione riformata, figlia e nipote di “strie” a sua volta accusata stregoneria.

Il processo è girato nel chiuso di un capannone industriale totalmente abbandonato adiacente a una stazione ferroviaria. La parte riguardante i testimoni d’accusa è girata in esterni in alta montagna.

 

MASTER CLASS DI EMANUELA PIOVANO “KITCHENFILM: RICETTE PER UN CINEMA A LUNGA CONSERVAZIONE 1988/2018” | LE ROSE BLU – SQUOLA DI BABELE – LA BELLA E LE BESTIE I KITCHEN FILM SCELTI PER IL 40° FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA E DONNE DI FIRENZE

24 novembre 2018 

Al cinema La Compagnia di Firenze si svolge dal 21 al 25 novembre il  Festival Internazionale di Cinema e Donne, 40 anni di cinema e donne.  Ospiti le registe da tutto il mondo per l’edizione speciale  DIS/UGUALI presentato da Paola Paoli e Maresa D’arcangelo.

Maresa D’arcangelo – Paola Paoli

Emanuela Piovano sarà presente Sabato 24 novembre alle ore 19:00  Master Class dal titolo “Kitchenfilm: Ricette per un Cinema a lunga conservazione, 1988/2018” per raccontare il suo rapporto con il cinema, dall’underground alla distribuzione di film specialissimi e sorprendenti. 

Squola di Babele di Julie Bertuccelli proiezione sabato 24 novembre. 

La Bella e le Bestie di Kaouther Ben Hania  candidato all’Oscar, domenica 25 alle ore 21. Sarà presente l’attrice protagonista Mariam Al Ferjani che riceverà il premio Gilda Attrice. 

L’impresa culturale della kitchenfilm compie 30 anni di attività. 

Tutto comincia con Le rose blu di Emanuela Piovano le proiezioni del film nella saletta MyMovies: 

Mercoledì 21 novembre alle ore 15:00

Giovedì  22 ,Venerdì 23 e Sabato 24 novembre alle ore 17:00

Ester De Miro – Alias- Manifesto del 17 novembre 2018

“Un spazio speciale è riservato ad Emanuela Piovano, regista e sceneggiatrice, divenuta in seguito anche produttrice e distributrice, della quale viene proiettato l’esordio da regista Le rose blu, film singolare girato nel 1990 nel carcere Le Vallette in cui appare Laura Betti in un ruolo che anche un omaggio alla sua relazione amicale con Pier Paolo Pasolini. Ad Emanuela Piovano è affidata anche un interessante master class in cui esporrà il suo itinerario professionale del tutto “sperimentale”, fatto di tentativi e di virate, in quanto Emanuela è riuscita miracolosamente a sfruttare gli scarsi spazi riservati alle donne nel cinema Italiano ed è riuscita a creare la sua società di produzione e distribuzione che si chiama Kitchenfilm”